segunda-feira, 24 de março de 2014

Horóscopo

L’ OROSCOPO DEL PROFESSOR’  “EL MADAI
PER LA STIMANA DI 23  A 29 DI MARZO  DI 2014!      Nº  255

ACQUARIO -  21 Genar (Gennaio) a 19 Febrar (Febbraio) –

Mi credo che ‘na volta to dit de no far onde. Lè perché te poi nar for de ca e spanderte dal tu. Ma, da l’ altra parte, mi te digo che l’ è ben ora de smisciarte ‘n poc.Te stai lì massa fermo, senza far forza, a spettar che i altri vegna ‘mpienirte la panza...e anca ‘l sac, magari.! Doppo te te metti a lamentarte e a brontolar. E te ‘l sai ben che a brontolar sotto l’ acqua te poi stofegarte. Allora, acquario, desmisciete for, movete, fa qualcos’! Quel che no te fai ti, lo fará i altri. E, dopo che l’ è fat, carino... lè nà el Acquario!

PESCI – [Pêss(i)] – 20 Febrar (Febbraio) a 20 Marzo –

Ti te me pari massa nervos. Massa viv’! No só se te ‘l sai, ma quei che pensa o che vol esser massa vivi, lè quei che casca nelle rete della vita. Ah sì, caro, la vita no la fa cerimonie. La mette le trapolle e, quande te te nascorsi, te sei bel che enrudolà. E dopo, per cavarsela no lè così facil...Tante volte no ghè pù salvazion. Strament in questa epoca de quaresima che tutta la zent cerca i pesci per salvar la so anima. Allora, pess, fermete en poc, date pace, che forsi così, te salverai la to vita.

ARÍETE – [ Áries -“PEGORON”] – 21 marzo a 20 April(e)

Con quel “bèéé” che te fai,  el par che te sei dreo a ríclamar. Ghè massa monti per rampegar e sassi per saltar ? Varda che no lè tutti che gha  na vista così bella. Te ghai ensèma  qualchedun, ne che sia ‘n misero matelot, famá e pien de pêtole...  No sta farte de vittima, che te ghai la vita bella, belle pegorine, che te ubbediss’, te vol ben, Ma sta attento, lè sol perché no le cognosce ei altri pegoretti... Sí, caro Pegoron, ei pol portarte via le pegore. No sta pensar che te ghe sei sol ti a questo mondo ! Ghe ‘n è dei altri... Fate furbo !
 
TORO [Tór’]  - 21 April(e) a 21 Maggio –

No te sei mai content col pascol. Ghè  massa zigolini e erba empermalosa ? No sariel ora de darghe na nettada. Ah, te me dizi che el pascol del vicin lè pù vert ?  Sta attento, che lè sempre così. Quel dei altri el par sempre mèglio che quel nóss. E, lè per quel che se diz che la gallina del vicin léi pù grassa. Ma doppo che se la vede o che se la cognosce lè che se se nascorse che lè sol pell e ossi. Tor, ringrazia quel che te gai, perché mi te digo che lè mèglio gaver en uzel en cabbia do che doi  for per aria...

GEMELLI – [ZEMÉL(li)] - 22 Maggio a 21 Giugno –

Scolteme, sará che te sai chi che te sei? Sará che ti te sei TI o te sei el to zemel? Me fradel lé nat ensema an zemel. Fin encoi el no sa se lé quel che è mort o se lè quel che è viv’. Ello el  giura che viv’ elo no lè ! A scherzi el diz sempre che el no lè ello, ma que ello lè quel altro che è mort subito dopo nat. Tutti ei se la ride, ma el caso lè propi serio. Zemel, ti te gai de mostrar a tutti chi veramente te sei. No sta sconderte dreo l’ altro o al ombra del to zemel. No sta far così, perché en dì la verità salterá ai òcci. Se pol sconder la veritá per en bel pezz’ de temp, ma nó per tut el temp.
      
CANCRO  [CÂNCER(o)]  –  22 Giugno a 22 Luglio –

Te sei sempre dentro de l’acqua tôrbola o sfondà nella paccioca negra dei bagnadi. E doppo te te lamenti che no te vedi nient  Ma come lé che te voi vederghe ? Te sei sempre zo sotto e come la lè tut scur, no ghè mezzi da vederghe, sianca te verzi ei òcci. Mi te digo che lè ora de saltar for del bus che te te scondi, lavarte ei òcci e metterte al sol per veder quel che te gai da veder. Varda, qui fora ghè tanta zent che vol vederte nar avanti. Vèi veder tutta questa zent che te vol ben. Véi veder come questo mondo lè meraviglioso.


LEONE -  ( Leôn )  - 22 Luglio a 22 Agosto –

Te sei nervoso e pestolon ! Chi è che no resta nervoso ne na cabbia ?. Te sei nat per esser libero,nel campo. Ma la zent vol farte laorar per far spetacolo. El spetacolo che ti te poi dar te lo fai mèio ‘ancor quande sei en libertá. Lì te mostri tut quel che te sei. Forte, coraggios e comandante dei to fradèi e amici. Ma, tante volte la zent no te lassa far. Altre volte la zent vol che te fai quel che no te pias o che no lè la to specialità. Allora, Leon, spacca sù tut,, líberete dalle corde che te liga... e co lá to voze forte e serena canta un inno alla libertá che tanta mancanza fa en questo mondo....

VERGINE [ Virgem]  -  23 Agosto a 22 Settembre

Pianzer fa ben.. Ma ti te sei massa pianzolon.Te fai sol che lamentarte. Motivi no ten manca. Par sin che el mondo sia pura disgrazia. Lé ben vera, magari, che lè pien de zent che se mete nella to vita. Sicur, viver no lè facil, strament per ti, Vergine. Ma, da laltra no lè propi come tel fai. Ghè tante robe belle, bone, tante personne da cognoscer. Viver lè bel, basta saver viver. Varda, Vergine, lé ora de cavarte for de sto pessimismo. Canta, balla, vá  zo a Le Lagoe  del Fronza che  ghé  el ballo  encoi.

BILANCIA  [ LIBRA ] -  23 Settembre a 22 Ottobre –

Te me pari  indeciso, spaurá. Quande ghé da decider, bisogna metter sù na bilancia e veder da che banda la tira, Lè raro che le do bande sia stesse. E, allora, Bilancia, cosa far ?  Pregar  a Dio, la Maddona e Tutti i Santi per aiuto. È, ma el aiuto de tutti ei santi pol esser massa e lì, invense de aiutar, se spacca sù tut. No basta pregar. Bisogna far, ossia, metter la testa e tut el corpo a laorar per trovar la soluzion. E dopo trovada, bisogna decider ! No ghè scampi sat, Bilancia ! Quel che pensa de esser sicur al star sul mur, ven en dì che el casca zo come en sac de patate more...

SCORPIONE  [ scorpiôn] – 23 Ottobre a 21 Novembre

No lè per via de na piccola coa che te fai paura. La zent gá pú paura che le galline, Varda, mi te digo: no sta metterte en mez a le galline, strament do che ghè ei gai. No só se tel sai: ma gai lè sempre gai !..Prima, perché ei gá ei pei puri ossi e la forbiss della to coa no ghe arriva, e dopo, te sai che ei sbècola e le so sbeccolade te fa a tocchi en tre scondi. Bisogna che te empari a saver endo che lé el to posto. Tutti ei gha el so posto. E anca tutti ei gá la so coa. La pol esser pú sconta e meno alzada che la toa, ma,  poi star tranquilo, che tutti ei la gá..      
 
SAGGITARIO – [ sagitário] – 22 di Novembre a 21 Dicembre

Varda, chi gha el coert de vedro, no staga tirar sassi sora quel dei altri. Con quel bidoc che te porti sempre en man, lè facil da mollar sassade. Ma mi te digo sol na roba: dopo che el sass lé for della fionda, el resta nelle man del Diaol. Almeno, lera quel che dizeva me pora mamma. No só se tel sai, ma el Diaol el ghè, “che mi lo vist algeri será la che el porteva el molinar...”  Forsi tel sai che elo lè sempre pronto a far malani. E, poi star sicur, el te droppa ti con quel  benedetto arco che te porti sempre en man per farli.

                                                                                                                   
CAPRICORNO –[Capricórnio]  – 22 Dicembre a 21 Genar (gennaio)

No ho mai vist en desperá come ti. Te salti propi come en bec, e te sudi come en caval...magari !. Ecco, e résta quela spuzza de Bec !  Ma varda, per la spuzza ghè soluzion.! Basta lavar-se ! Sí, basta do bagni al dì ! Uno alla mattina e laltro alla sera. E anca en poc de profum soave e de bon odor. Te vederai come la spuzza lá va via subito. La  acqua lè una santa medicina: La fa miracoi ! Capricorno,mi te digo che te poi saltar a volontà per far ei to misteri, per aiutar ei altri, per far el ben.



Capom Degran, 18/03/2014 – Professore  El madai